Tempo ciclico e tempo progressivo

time.jpg

Secondo il filosofo Ernst Junger esistono due diverse concezioni del tempo, una lineare e una ciclica.

“Esse si annunciano già nel linguaggio. Chi parla del tempo che passa, scorre, trascorre, fugge, ha in mente un tempo diverso rispetto a chi usa modi di dire nei quali il tempo è rappresentato da una ruota, e parla perciò di cicli e di ricorsi. Per il primo il tempo è una forza progressiva; per l’altro una forza ciclica. Sebbene nel tempo siano presenti entrambi questi aspetti, è molto diverso se percepiamo l’uno o l’altro e a quale dei due prestiamo ascolto”.

Il pensiero di Junger si snoda poi così: “II tempo che ritorna è un tempo che dona e restituisce. Le ore sono ore dispensatrici. Sono anche diverse l’una dall’altra perché ci sono le ore di tutti i giorni e le ore di festa. Ci sono albe e tramonti, basse e alte maree, costellazioni e culminazioni. Il tempo progressivo invece, non viene misurato in cicli e moti circolari, ma su una scala graduata: è un tempo uniforme. Qui i contenuti passano in secondo piano” .
Quanto più ci si identifica con il proprio tempo e si vive in simbiosi con esso, tanto più si è vittime dei suoi pregiudizi. Ma il pregiudizio più radicato credo sia proprio il tempo in quanto tale.

One comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *