Le strenne di Natale

http://reneeashleybaker.files.wordpress.com/2007/12/thomas-nast-and-clement-clark-moores-1881-depiction-of-santa.jpg

Oggi a Natale sono scomparsi i comportamenti carnascialeschi tipici dei Saturnali, dai quali traggono origine le feste natalizie, mentre è più viva che mai l’usanza delle strenne che i Romani offrivano al primo dell’anno, in un periodo collegato al rin­novamento annuale. Nell’antichità le strenne erano costituite da ra­metti di una pianta propizia che si staccavano da un boschetto sul­la via Sacra, consacrato a una dea di origine sabina, Strenia, apportatrice di fortuna e felicità. Secondo Varrone «quasi fin dalle prime origini della città di Roma si adottò l’uso delle strenne istituito da Tito Tazio, il quale per primo prese come buon auspicio per l’anno nuovo il ramoscello di una pianta propizia [arbor felix] dal bo­sco della dea Strenia». Poi, poco a poco, si chiamarono strenae anche doni dì vario genere e addirittura monete.

La strena è dunque l’antenata, per così dire, dei regali di Natale, detti appunto strenne.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *