Bertrand de Jouvenel

L'immagine “http://www.planetecologie.org/ENCYCLOPEDIE/Pionniers/images/jouvenel.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Non esiste alcuna istituzione che possa permettere di far concorrere ogni persona all’esercizio del potere, dal momento che il potere è il comando, e non è possibile che tutti comandino. La sovranità del popolo non è altro che una finzione, e una finzione che, alla lunga, può essere soltanto distruttiva delle libertà individuali. Il medioevo non ha affatto conosciuto questo genere di difficoltà; per esso la legge era fissa, la legge era data. Solo dal momento che la legge divina verrà respinta come superstizione e la consuetudine come routine, sarà indipensabile fare la legge. Occorre allora una potenza legislativa. Autrice della regola suprema, essa sarà una potenza necessariamente suprema [quindi lesiva della libertà individuale].
Siamo abituati a considerare l’assolutismo monarchico con la sua organizzazione oppressiva, come l’opposto dello Stato moderno. Il sovrano è finalmente riuscito a sbarazzarsi di quanto di sacro e inviolabile gli stava sopra e ne arginava l’azione. Ma in origine valeva per esempio l’imprecazione dell’antica legge norvegese: “Se il re viola la dimora di un uomo libero, tutti andranno verso di lui per ucciderlo”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *