Ernst Jünger, Maxima-Minima

“Maxima-Minima”, ovvero massime concentrate nello spazio minimo dell’argomentazione aforistica. “Minima moralia” distillati in prosa densa e lapidaria, parole lasciate cadere come gocce per scavare nel profondo. Raffica di sentenze pronunciate in successione da mitraglia per lasciare segni incancellabili. È un testo sconcertante – per l’estrema sinteticità inversamente proporzionale alla densità, per l’agilità di una scrittura che impone a chi legge di procedere per brusche frenate, per la velocità di un pensiero che suscita la sorpresa e provoca la sosta dello stupore meditativo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *